[Parksmaniaci] Petizione contro le inutili restrizioni di età

Discussioni di carattere generale sul tema dei parchi di divertimento.
WC90
Messaggi: 210
Iscritto il: 29 aprile 2020, 22:33

Re: [Parksmaniaci] Petizione contro le inutili restrizioni di età

Messaggio da WC90 » 4 maggio 2021, 15:00

Danilo ha scritto:
4 maggio 2021, 14:17
Ti rispondo molto semplicemente, in tutta quella sbrodolata nelle tue ultime frasi é contenuta la risposta a tutto:

Ecco, nel tuo campo ed a chi di competenza, lascia tutto il resto a chi ha competenza a meno che te ne abbia nell'ambito che contesti.
Fortunatamente/sfortunatamente non funziona così. Se no sarebbe facile decantare fantomatiche competenze nonché anni di esperienza nel settore per zittire chiunque e chiudersi a guscio. Io ho espresso una legittima perplessità, non devo studiarmi decine di tomi per esprimermi liberamente e contestare chi voglio. Anche perché sono convinto che quello che cerco non ci sia scritto da nessuna parte.

Avatar utente
APEMAN
Messaggi: 3404
Iscritto il: 11 febbraio 2010, 13:06

Re: [Parksmaniaci] Petizione contro le inutili restrizioni di età

Messaggio da APEMAN » 4 maggio 2021, 18:49

Le competenze non si inventano dalla mattina alla sera, un conto è la libertà di opinione, un altro sono aspetti legislativi e scientifici. Le persone possono pensare di non vaccinarsi(a mio avviso sbagliando), ma se affermano che i vaccini uccidono più del COVID, o si mettono a polemizzare con un virologo senza aver studiato, sono loro in errore, non sicuramente il competente virologo!
Per quanto riguarda il fatto che non le commissioni non ti abbiano risposto, dico vorrei ben vedere! Non vedo assolutamente motivo per cui un ente che certifica attrezzature( e le attrazioni sono equiparabili ad attrezzature, con la complicazione che siano aperte al pubblico), dovrebbe rispondere ad una persona che non c’entra nulla con l’ambito delle loro azioni, visto che non sei un addetto ai lavori del settore. Per quanto riguarda il post di Roberto Canovi, forse ne hai interpretato erroneamente il senso, il discorso non è solo su quante persone lo possono fare per via delle limitazioni, ma di quanti lo farebbero, un coaster eccessivo(anche solo in apparenza), spaventa più persone di quanto lo possa fare un Mine Train, di conseguenza attirerà gli amanti dell’adrenalina, ma non lo farà con la maggior parte di persone che non sono così temerarie.
Io rispetto il tuo punto di vista, ma non puoi pensare che possa diventare legge solo tu credi sia giusto, è ovvio che un parco deve riuscire ad attirare più persone possibili, quindi installerà attrazioni in grado di farlo. Ti faccio un esempio, un amante dei coaster può andare a Europa Park o a Phantasialand e divertirsi potendo trovare l’adrenalina, ma anche spettacoli, dark ride e Fiat ride varie, a differenza di chi teme di salire sui coaster più “paurosi”, che in un Six Flags si annoierebbe. Perché certi parchi sono più inclusivi, non a caso Europa Park quando va ad inserire un coaster, non esagera mai con l’adrenalina, non guardando le limitazioni, ma perché così accontenterà più persone possibile.
Per quanto riguarda le eventuali differenze fra regioni, non credo che tu ti possa stupire, basta vedere cosa succede sul fronte dei vaccini, che mi sembra pure più importante. Ma attenzione che differenze fra i Länder, ci sono anche in Germania.
Ps: il caso di Mirabilandia non lo comprendo neanch’io, bisognerebbe capirne il motivo.
Die Familie Mack ist der beste! Europa Park N°1

Avatar utente
peppe2994
Messaggi: 13742
Iscritto il: 17 maggio 2009, 11:52

Re: [Parksmaniaci] Petizione contro le inutili restrizioni di età

Messaggio da peppe2994 » 4 maggio 2021, 22:35

Eh sì, WC90 lamenta esattamente il caso specifico di Mirabilandia, praticamente parla solo di quello da sempre, ed effettivamente è una anomalia.

Avatar utente
APEMAN
Messaggi: 3404
Iscritto il: 11 febbraio 2010, 13:06

Re: [Parksmaniaci] Petizione contro le inutili restrizioni di età

Messaggio da APEMAN » 5 maggio 2021, 2:31

Il caso di Mirabilandia è strano, ma vi chiedo una cosa, è applicato? O è una scelta formale del parco, e poi viene affrontato di caso in caso? E comunque il problema della petizione, trovo sia il dare per scontato che chi deve certificare, sia incompetente in base alle sensazioni di qualcuno che non si occupa “professionalmente” della materia in questione, e non ne ha le competenze. È ovvio che, come in tutte le situazioni, ci saranno persone più o meno capaci, ma credo sia passato il tempo della “competenza da internet”, in ogni settore vanno rispettate le professionalità, il che non significa l’assenza del diritto di critica, ci mancherebbe, ma anche le parole sono importanti. Posso dire che mi sembra che ci sia poca competenza, ma eviterei di essere assolutista senza prove certe.
Die Familie Mack ist der beste! Europa Park N°1

WC90
Messaggi: 210
Iscritto il: 29 aprile 2020, 22:33

Re: [Parksmaniaci] Petizione contro le inutili restrizioni di età

Messaggio da WC90 » 5 maggio 2021, 17:35

APEMAN ha scritto:
4 maggio 2021, 18:49
Le competenze non si inventano dalla mattina alla sera, un conto è la libertà di opinione, un altro sono aspetti legislativi e scientifici. Le persone possono pensare di non vaccinarsi(a mio avviso sbagliando), ma se affermano che i vaccini uccidono più del COVID, o si mettono a polemizzare con un virologo senza aver studiato, sono loro in errore, non sicuramente il competente virologo!
Hai aperto una parentesi interessante. Sì, chi va contro i virologi e la comunità scientifica in generale è solo un folle ma non dimentichiamo che esistono perfino dei medici contro i vaccini. Pensa se vivessimo in un ipotetico paese dove tutte le principali decisioni potessero essere prese da oligarchie di presunti "esperti" e capitassero dei no vax al comando. Il settore dei parchi dei divertimenti interessa sicuramente molte meno persone, c'è molto molto meno interesse e ricerca, quindi è molto più probabile trovare dei "no vax" in commissioni che si occupano di parchi di divertimento. Tra l'altro non è che la provincia di ravenna sia sconfinata, non si costruiscono attrazioni thrill tutti i giorni, sicuramente le commissioni di presunti "esperti" sono composte da persone che passano da una cosa all'altra.


Per quanto riguarda il fatto che non le commissioni non ti abbiano risposto, dico vorrei ben vedere! Non vedo assolutamente motivo per cui un ente che certifica attrezzature( e le attrazioni sono equiparabili ad attrezzature, con la complicazione che siano aperte al pubblico), dovrebbe rispondere ad una persona che non c’entra nulla con l’ambito delle loro azioni, visto che non sei un addetto ai lavori del settore.
Beh ma allora non lamentiamoci se metto in dubbio la professionalità di chi praticamente non esiste, neanche fossimo in fantozzi, dove a capo c'era una figura che forse nemmeno esisteva. Se io cercassi informazioni per un articolo di giornale o una tesi per te sarebbe normale che nessuno mi rispondesse? :shock:

Per quanto riguarda il post di Roberto Canovi, forse ne hai interpretato erroneamente il senso, il discorso non è solo su quante persone lo possono fare per via delle limitazioni, ma di quanti lo farebbero, un coaster eccessivo(anche solo in apparenza), spaventa più persone di quanto lo possa fare un Mine Train, di conseguenza attirerà gli amanti dell’adrenalina, ma non lo farà con la maggior parte di persone che non sono così temerarie.
Io rispetto il tuo punto di vista, ma non puoi pensare che possa diventare legge solo tu credi sia giusto, è ovvio che un parco deve riuscire ad attirare più persone possibili, quindi installerà attrazioni in grado di farlo.
Ciclicamente mi capita spesso di ritornare su questo punto. Ipoteticamente parlando, molta gente non salirebbe. Potrebbe anche essere vero, ma intanto costruiamoli sti coaster! Senza qualcosa di molto "americano", con le restrizioni "americane", non possiamo sbilanciarci troppo?
Su lightning rod vediamo tonnellate di famiglie con bambini, magari non tutti salirebbero ma molti di quei bambini su un coaster con restrizioni "classiche" (tipo il solito metro e 40) semplicemente non potrebbero salire, ma qui ci sono
https://www.youtube.com/watch?v=FP2ufbH9Wcw&t=108s
Poi non possono calibrare i parchi pensando sempre all'italiano medio, fifone (tipo quelli che vorrebbero l'abbattimento di tutti i coaster, ho vari screen presi da facebook e youtube), o non costruirebbero nemmeno il mammut. Vediamo poi dei veri e propri paradossi, spesso le code delle attrazioni più thrill sono quelle più fitte di persone. Magari in piena estate le attrazioni tipo fuga da atlantide o niagara avranno ancora più successo ma anche i coaster si difendono bene. Mentre non mi capita mai di trovare piene le code delle dark ride. Magari l'utente medio predilige un certo livello di adrenalina, forse moderato, ma forse neanche troppo, non abbiamo un rmc come lightning rod per verificarlo. E neanche più un wooden tipo sierra tonante.

Ti faccio un esempio, un amante dei coaster può andare a Europa Park o a Phantasialand e divertirsi potendo trovare l’adrenalina, ma anche spettacoli, dark ride e Fiat ride varie, a differenza di chi teme di salire sui coaster più “paurosi”, che in un Six Flags si annoierebbe. Perché certi parchi sono più inclusivi, non a caso Europa Park quando va ad inserire un coaster, non esagera mai con l’adrenalina, non guardando le limitazioni, ma perché così accontenterà più persone possibile.
Per quanto riguarda le eventuali differenze fra regioni, non credo che tu ti possa stupire, basta vedere cosa succede sul fronte dei vaccini, che mi sembra pure più importante.
appunto.

Per quanto riguarda Europa Park, per me sbagliano. Hanno abbastanza visitatori per potersi permettere ancora più livelli di diverse attrazioni thrill, ma non è detto che le cose non cambino. Pensa a com'è cambiato il parco da inizio anni 2000 al decennio successivo. Non avevano nessun hyper coaster, nessuna inversione, nessun coaster thrill, eppure hanno cominciato verso tale direzione, come molti parchi tedeschi.
peppe2994 ha scritto:
4 maggio 2021, 22:35
Eh sì, WC90 lamenta esattamente il caso specifico di Mirabilandia, praticamente parla solo di quello da sempre, ed effettivamente è una anomalia.
Sì, specifico comunque che non è l'unico parco in italia ma è sicuramente quello messo peggio, con le limitazioni più assurde. E nel caso degli altri parchi non conosco perché abbiano alcuni limiti di età, seppur meno restrittivi. Conosco bene mirabilandia perché ci sono state decine di lamentele e il parco ha risposto.

Avatar utente
APEMAN
Messaggi: 3404
Iscritto il: 11 febbraio 2010, 13:06

Re: [Parksmaniaci] Petizione contro le inutili restrizioni di età

Messaggio da APEMAN » 5 maggio 2021, 20:50

Allora, sgombriamo il campo da un equivoco troppo comune in questi tempi di pandemia, la scienza sbaglia, ed è proprio
dai propri errori che migliora, ma per dimostrare che esiste un errore, lo si deve dimostrare scientificamente, non con opinioni ad mentulam canis. E per chiarire ulteriormente, se un medico dovesse essere contrario ai vaccini a prescindere, cioè senza evidenza scientifica, sarebbe radiato, giustamente e come già successo svariate volte, tra l’altro andrebbero radiati anche i medici che curano malattie con l’omeopatia. Ognuno è libero di avere una sua opinione, ma contro le evidenze scientifiche, le opinioni non valgono nulla! Se si vogliono confutare c’è solo un modo, studiare e scoprire una soluzione alternativa.
Per tornare al discorso delle mancate risposte da parte della commissione, non è un discorso di Fantozzi, se tu dovessi fare una tesi, magari ti risponderebbero, ma se fossi io in commissione e ricevessi una mail con richieste di delucidazioni tipo quelle della petizione, sinceramente non ti risponderei. Non pensare che siano formate da quattro burini che ogni 10 anni controllano un coaster, si parla di ingegneri, tecnici, perché tu la vedi come un attrazione, ma a loro mica gliene deve fregare, loro devono controllare e certificare specifiche tecniche e prendere decisioni in base a leggi e propria conoscenza, sapendo che se si dovesse verificare un incidente , anche banale, a causa di un loro errore, come minimo dovrebbero pagare dei danni economici, ma come massimo ci sarebbe il carcere. Per quanto riguarda il tuo parere su Europa Park, continui a non comprendere una cosa, mica si svegliano alla mattina e decidono che la maggior parte di persone su un coaster troppo eccessivo non ci salirebbero, fanno studi e ricerche serie che pagano fior di milioni, anche perché si da il caso che loro siano pure produttori di coaster. E credo che i risultati gli diano abbondantemente ragione, o non ti sembra?
Senza offesa, ma tu mi ricordi un mio amico, che aveva delle bellissime teorie a proposito del mio settore professionale, la grande distribuzione, io ho lavorato per due catene famose, una è la prima in Italia, l’altra non è prima, ma è la più performante, praticamente una macchina perfetta. Le idee del mio amico, partivano tutte dal suo punto di vista, estremamente personale, lui diceva che una delle due catene(quella più performante), sbagliava tutto, dalla scelta degli assortimenti, alla disposizione dei negozi, finché una sera gli ho spiegato gli studi e il lavoro che c’era dietro ad ogni singola azione eseguita, e gli ho spiegato i numeri che esprimeva la suddetta catena, non ha più osato proferire verbo. Perché senza competenze, non vai da nessuna parte, è sempre stato così , ma adesso lo è anche di più. Un parco a tema sembra una bella cosa divertente, ma per progettarlo e gestirlo, sono richieste tante di quelle competenze e professionalità, che c’è da far tremare i polsi.
Ognuno è libero di avere le proprie opinioni, ma se si scontrano con la realtà, dovrebbe prenderne atto.
Die Familie Mack ist der beste! Europa Park N°1

WC90
Messaggi: 210
Iscritto il: 29 aprile 2020, 22:33

Re: [Parksmaniaci] Petizione contro le inutili restrizioni di età

Messaggio da WC90 » 7 maggio 2021, 13:15

Lo so che c'è una bella differenza, se un bambino non venisse vaccinato ci sarebbero conseguenze ben peggiori di un bambino che non sale sui coaster, però vedi, nel caso dei vaccini esiste una comunità scientifica attiva, e esistono norme che puniscono i no vax, qui capitiamo in un settore dove i nocoasterx possono fare quello che vogliono, anche andare contro le evidenze scientifiche. Non ci sono tantissimi studi e ne manca uno che consideri ogni fascia di età, ma ci sono articoli in cui, prudentemente, si afferma che non ci sono evidenze circa la pericolosità dei coaster, anche riguardante soggetti non ancora sviluppati.

Ingegneri e tecnici che controllano cosa? Piste da ballo? Locali? Luci sospese? Cioè dai, parliamo di una generica commissione che si occupa di locali di pubblico spettacolo. Non saranno 4 burini ma davvero avranno questa grande esperienza in fatto di coaster e attrazioni dei parchi a tema?

Identifichiamo cosa sia un coaster eccessivo. Taron è eccessivo? Karnan lo è? Sono entrambi coaster più intensi dei corrispettivi (più o meno) presenti a europa park. Cosa spinge un parco ad agire in un modo e le strutture vicine ad agire in modo diametralmente opposto? Mica si saranno alzati la mattina neanche loro. Addirittura abbiamo che Hansa Park considera Karnan una family thrill ride. Il forum è pieno di considerazioni del tutto personali, come la mia. In molti ne hanno dette di ogni sull'osceno parco acquatico di gardaland, su ducati world, sulle porcherie dei parchi romani. In questo caso non ci sono più milioni di studi? Il concetto non può valere solo se un parco è di successo.
Inoltre parliamo comunque di studi che non sono una scienza esatta. Sicuramente sono soggetti a scelte del tutto personali, magari di gruppi di persone con decine di anni di esperienza, ma sempre con una componente personale rimangono.

Io, per dire, ho sempre la teoria che il guest comune non ha un misuratore di accelerazioni g incluso e che la "pericolosità" di un'attrazione dipenda più dalla percezione che essi hanno. Ad esempio non credo che un hypercoaster moscio risulti più di successo di uno intenso, rimane sempre una bestia di metallo da 70 metri che intimorirà o entusiasmerà pressoché la stessa fetta di utenti. Ripeto che questa è una mia ipotesi.

Avatar utente
Andrea Ricci
Messaggi: 2348
Iscritto il: 23 giugno 2009, 16:16
Località: Urago d'Oglio (BS)

Re: [Parksmaniaci] Petizione contro le inutili restrizioni di età

Messaggio da Andrea Ricci » 7 maggio 2021, 13:41

Magari è uno psicologo infantile di fama internazionale...
Potrebbe non sapere niente di parchi eppure avrebbe pieno titolo di decidere tale restrizione.
Zanzara Mode ON!

WC90
Messaggi: 210
Iscritto il: 29 aprile 2020, 22:33

Re: [Parksmaniaci] Petizione contro le inutili restrizioni di età

Messaggio da WC90 » 7 maggio 2021, 19:05

Se lo fosse avrei già consultato i suoi vari articoli scientifici di fama internazionale, ma non c'è neanche l'ombra di una pubblicazione

Avatar utente
APEMAN
Messaggi: 3404
Iscritto il: 11 febbraio 2010, 13:06

Re: [Parksmaniaci] Petizione contro le inutili restrizioni di età

Messaggio da APEMAN » 7 maggio 2021, 19:49

Forse non mi sono spiegato, se io dico che Legoland Waterpark è brutto, esprimo una considerazione soggettiva, se dico che è piccolo, spoglio e scarsamente tematizzato, affermo una cosa oggettiva, e la dico confrontandolo con i parchi acquatici esistenti, allo stesso modo delle critiche verso Ducati World. Per quanto riguarda le scelte dei parchi, è ovvio che Mirabilandia prima di realizzare un area Ducati, abbia fatto ricerche e sondaggi, poi ha fatto le proprie scelte, ma la qualità delle attrazioni mica dipende dalla ricerca. Tu puoi avere tutte le opinioni personali di questo mondo, nello stesso modo devi accettare se qualcuno ti fa presente che potrebbero essere disancorate dalla realtà. Ti faccio un esempio stupido, quando a Parma arrivò il primo Mc Donald’s, alcuni miei amici che non erano mai usciti dall’Italia, si sbilanciarono dicendo che avrebbe chiuso entro un anno, perché noi a Parma mangiamo gli anolini, mica quelle cose lì. Io, che ero esattamente intelligente come loro(forse meno), ma che per ragioni personali, avevo trascorso lunghi periodi a Stuttgart, dove Mc Donald’s c’era da anni, e non aveva insidiato i ristoranti tipici, spiegai che la catena americana mica minacciava anolini, Crudo e Parmigiano, e neanche le paninoteche storiche, sarebbe andato ad incidere soprattutto su chi offriva prodotti scarsi a prezzi cari, e offendo un prodotto diverso, e cosa più importante, in un “modo” diverso, avrebbe fatto successo, risultato? Ad oggi sono 3 in città e due in provincia, e io avevo ragione, non perché fossi un genio, ma semplicemente perché avevo più elementi per prevedere quello che sarebbe potuto accadere. Tu puoi avere tutte le teorie di questo mondo sul perché la persona comune non salga su un coaster estremo, per esempio io ti dico che me ne frego dell’altezza, ma per decidere se farlo o no, guardo le facce di quelli che scendono, ma la sostanza non cambia, i fatti dicono che i parchi con il giusto mix di coaster(fattibili da più persone possibili), dark ride, spettacoli e tematizzazione, fanno più ingressi. Tutto il resto è teoria.
Die Familie Mack ist der beste! Europa Park N°1

WC90
Messaggi: 210
Iscritto il: 29 aprile 2020, 22:33

Re: [Parksmaniaci] Petizione contro le inutili restrizioni di età

Messaggio da WC90 » 15 maggio 2021, 16:21

In che senso la qualità delle attrazioni non dipende dalla ricerca? Questo concetto implicherebbe che l'obiettivo, quello di massimizzare i profitti, non dipenda per nulla dalla qualità degli investimenti, il che mi sembra assurdo.

Se ti parlassi di cose campate per aria potrei darti ragione sulle opinioni disancorate dalla realtà, ma qui parliamo banalmente di coaster presenti a qualche centinaio di chilometri. Non so se ricordi il discorso iniziale (perdona il ritardo nella risposta ma è stata una settimana molto pesante).

Avatar utente
APEMAN
Messaggi: 3404
Iscritto il: 11 febbraio 2010, 13:06

Re: [Parksmaniaci] Petizione contro le inutili restrizioni di età

Messaggio da APEMAN » 17 maggio 2021, 12:16

Per qualità delle attrazioni intendo quella cosa che hanno installato a Mirabilandia, è ovvio che nell’eventuale ricerca di mercato hanno posto questa domanda:
Vorresti che venisse installato un “coso” chiamato moto coaster, che andrà lento, non darà nessun tipo di emozione e avrà pure una portata oraria penosa, il tutto circondato da altre attrazioni inutili ? :mrgreen:
La domanda sarà stata:
Ti piacerebbe un area dedicata al motociclismo? Dove potrai rivivere in prima persona le emozioni della Moto Gp, immerso nel mondo di un famoso marchio motociclistico?
Poi un mix di “scelte sbagliate” ha portato allo scempio....
Disancoraste dalla realtà nel senso che, le prove del fatto che paghi di più in quanto a gradimento del pubblico, creare un parco con il giusto mix di adrenalina, theming e altre caratteristiche, che puntare in gran parte per coaster estremi e altre attrazioni frulla stomaco. Che siano le tue preferite, nessuno lo potrà mai contrastare, ma che secondo te lo siano dalla maggior parte delle persone, o da una grandissima fetta, semplicemente non corrisponde alla realtà, perché se fosse così, fidati, ne avrebbero già installati in qualche parco Disney o Universal, oppure a Europa Park.
Ps: quando parlo di coaster estremi intendo Furious Baco, King da ka o altri da dove scendi scombussolato, non da modelli tipo Blue Fire o Hulk degli Universal.
Die Familie Mack ist der beste! Europa Park N°1

WC90
Messaggi: 210
Iscritto il: 29 aprile 2020, 22:33

Re: [Parksmaniaci] Petizione contro le inutili restrizioni di età

Messaggio da WC90 » 17 maggio 2021, 17:15

Aspetta, non so se ho capito bene ma credo che ti sia sfuggito un non. Se ho capito bene...
Sì ma quindi tu pensi che dietro a ste complesse richieste da centinaia di migliaia di euro, se non milioni, ci siano 4 slogan che, se va bene, funzionano con un bambino di 6 anni. Dietro tutto sembra che ci siano delle puff, solo che si sono puff da solo. Dopo i presunti super investimenti circa le scelte, manco ci fosse un algoritmo o una formula riassuntiva di come si gestiscono i parchi, non dovrebbe esistere il concetto di scelte sbagliate.

Ma infatti quello di cui parlavo non era di creare un parco di soli coaster ma, dato un parco, con 3-4 coaster thrill su decine di attrazioni, trovo discutibile pensare che il parco con 3-4 coaster mediocri avrebbe un successo maggiore di uno con 3-4 coaster intensi e di altissimo livello. A parità di tutto il resto.

Quanto al discorso del parco di soli coaster e attrazioni thrill (o quasi), dipende da cosa lo paragoni. E' ovvio che se mi prendi come esempio un parco con un brand, con investimenti 10-20 volte superiori e marchi come disney o universal alle spalle, questo vincerà considerevolmente. Già sarebbe diverso se considerassi un parco costruito con un budget modesto e senza un particolare brand. Nonostante tutto, i vari six flags e cedar fair fanno numeri che in europa la maggior parte dei parchi si sognano la notte.

Hulk non è esattamente tranquillo come B&M, e del nuovo coaster ne parlano benissimo. Poi c'è flying dinosaur in giappone. Universal non si fa troppi problemi a mettere coaster un minimo più movimentati. Non è disney.

Non sono tanto convinto del ragionamento "nel tal parco di successo non è nulla di stomacoso, allora è la strategia migliore". Il fatto che europa park abbia fatto determinate scelte non prova nulla. C'è sempre la variabile umana delle decisioni personali. Non c'è la famosa equazione di cui parlavo prima. E ripeto che tanti altri parchi hanno optato per coaster più intensi, come si spiega questa divergenza?

Avatar utente
APEMAN
Messaggi: 3404
Iscritto il: 11 febbraio 2010, 13:06

Re: [Parksmaniaci] Petizione contro le inutili restrizioni di età

Messaggio da APEMAN » 17 maggio 2021, 22:02

Si spiega su banali leggi di mercato, perché se sono Universal, e voglio differenziarmi da Disney, e nello stesso tempo voglio attirare “anche” qualche cliente dei Six Flags, allora inserirò un coaster tipo Hulk, soprattutto negli USA dov’è questa clientela è numerosa, ma le attrazioni con cui curo il mass market, sono le altre.
Se hai un attività rivolta al pubblico, devi scegliere a chi rivolgerti, è questa l’unica legge che governa le scelte. È lo stesso ragionamento per cui la maggior parte di pizzerie hanno anche un menu ristorante, perché nonostante la pizza sia uno dei piatti più amati dagli italiani, devi allargare la platea dei tuoi potenziali clienti. Si differenziano alcune specializzate, che si dedicano esclusivamente all’arte della pizza, tramite una scelta accurata degli ingredienti. E anche queste fanno successo, magari anche di più di quelle con menu più estesi, quindi uno potrebbe chiedersi perché non lo facciano tutti. Semplicemente perché se il bacino potenziale è di 1000 persone, di cui solo un 20% è un vero e proprio cultore della pizza, solo poche pizzerie potranno permettersi di attirare questo target. Ed è la stessa cosa nei parchi, i Six Flags, faranno anche buoni numeri, ma sono già falliti un paio di volte, e con i loro 15 parchi (senza quelli acquatici), che il regno del coaster, fanno praticamente gli stessi ingressi dei 12 mediocri parchi Merlin ( solo parchi), stesso discorso per Cedar Fair, con 12 parchi, fra cui l’altro regno del coaster, è praticamente sugli stessi livelli del gruppo Sea World, che però li ottiene con solo 5 parchi. Tutto questo perché è meno ampio il mercato di chi ama l’adrenalina spinta( per mille ragioni), rispetto a chi ama attrazioni più “tranquille” . E in Europa il discorso non varia più di tanto, se non con il fatto che penda un po’ di più verso gli amanti delle attrazioni meno estreme, perché sia Efteling che Europa Park superano abbondantemente i 5 milioni di visitatori, mentre Phantasialand supera a malapena i 2 milioni, nonostante sia collocata in una zona estremamente popolosa, ovviamente per ragioni di spazio non potrebbe mai arrivare a 5 , ma almeno 3 milioni si, ma probabilmente paga il fatto di apparire meno “per tutti” degli altri due.
Die Familie Mack ist der beste! Europa Park N°1

WC90
Messaggi: 210
Iscritto il: 29 aprile 2020, 22:33

Re: [Parksmaniaci] Petizione contro le inutili restrizioni di età

Messaggio da WC90 » 20 maggio 2021, 17:19

Non ho i dati completi per fare un confronto tra interi gruppi però, parlando dei parchi seaworld e affini, come avevo già detto c'è busch gardens tampa che, pur avendo solo coaster, non è tanto indietro rispetto al seaworld di orlando. Certo, c'è anche la parte faunistica, ma chissà perché non completare il pacchetto famiglie con delle dark ride, invece di puntare quasi esclusivamente ai coaster? Mentre il parco di Williamsburg è decisamente indietro, pur essendo tematizzato piuttosto bene. E' ovvio che ci saranno tanti fattori da considerare, al di là dell'eterna lotta tra attrazioni tranquille e attrazioni adrenaliniche.

Per quanto riguarda il discorso del bacino più o meno ampio. Può anche essere vero, ma dipende anche dalle attrazioni che costruisci. Perché se le attrazioni tranquille sono delle schifezze per bambini, o non sono immersive o non sono ben tematizzate, sicuramente ti puoi aspettare meno richiamo di coaster thrill, anche non tematizzati. Non tutte le attrazioni sono harry potter o star wars.
Prendiamo Reset, non è sicuramente una brutta dark ride ma è buttata in un capannone sperduto in mezzo al nulla, non ha grandi marchi alle spalle, né un'area tematica degna di questo nome. E' davvero difficile trovare code, a differenza delle attrazioni più movimentate, da quelle acquatiche, ai due coaster thrill. Per quel che mi riguarda il bacino di utenza disposta a salire su attrazioni tranquille potrà anche essere più ampio, ma solo se hai i soldi per poterti permettere attrazioni e brand di richiamo, a differenza di un certo parco in provincia di ravenna e del suo recente parcheggio a tema ducati.

Phantasialand non mi sembra meno per tutti. Ha le sue dark ride, le sue attrazioni family e diversi family coaster, anche migliori di quelli degli altri due parchi. Anzi, per quanto riguarda i coaster thrill è il parco che si è mosso più tardi di tutti. Non dimentichiamoci com'era il parco prima di FLY, Taron e Black Mamba. Di certo non è meno per tutti per l'intensità dei suoi coaster. Se dovessi scommettere sul perché i coaster di Europa Park non siano "eccessivi", né per lunghezza (a parte Silver Star), né per intensità, secondo me dipende più dal fatto che si sono mossi in anticipo rispetto ai competitor, e hanno un po' sottovalutato a che livello sarebbero giunti i coaster europei. Se la cosa avrà un minimo di fondamento vedremo in futuro coaster che attualmente non ci si aspetta in un parco come Europa Park, come potevano essere silver star o black mamba prima dell'inaugurazione.

Rispondi

Torna a “Discussioni generali”