Progettazione elementi scenografici

Forum dedicato alle discussioni sulle scenografie.
Rispondi
Emanuele
Messaggi: 603
Iscritto il: 13 settembre 2007, 16:46
Località: Querceta di Seravezza (LU)

Progettazione elementi scenografici

Messaggio da Emanuele » 13 maggio 2011, 20:07

Come vengono realizzati i progetti con le varie viste e prospettive di elementi scenografici o piante del parco?
A mano, con squadre, compasso, china e retini colorati oppure semplicemnte al computer con AutoCAD?
Mentre le quote vengono scritte in cm o in mm?
Ultima modifica di Emanuele il 27 agosto 2012, 9:30, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Dix'92
Messaggi: 1090
Iscritto il: 29 agosto 2010, 23:51
Località: Pinerolo

Re: Progettazione elementi scenografici

Messaggio da Dix'92 » 15 maggio 2011, 15:08

Io credo che la progettazione preveda entrambe le fasi: schizzi manuali fino ad arrivare al bozzetto completo per poi trasferirli in computer grafica e magari ricreare ambientazioni in 3D!
Anche se il computer ha ormai preso il sopravvento, credo che la progettazione manuale si imprescindibile...

Credo che se parli della parte meccanica di un'attrazione, l'unità di misura siano i mm poichè è richiesta maggiore precisione mentre per la parte scenogafica forse i cm visto che richiede "meno" accuratezza rispetto alle componenti meccaniche... Questa è solo una mia interpretazione, felice di essere corretto!
[...] as long as there's imagination left in the world

Emanuele
Messaggi: 603
Iscritto il: 13 settembre 2007, 16:46
Località: Querceta di Seravezza (LU)

Re: Progettazione elementi scenografici

Messaggio da Emanuele » 10 agosto 2011, 17:47

Ma i bozzetti (concept) vengono disegnati a mano e successivamente scansionati per essere poi colorati in photoshop??

Avatar utente
Corty
Messaggi: 260
Iscritto il: 5 settembre 2008, 18:31
Località: UK

Re: Progettazione elementi scenografici

Messaggio da Corty » 11 agosto 2011, 17:09

Come ogni progetto scenografico si prepara un bozzetto fatto a mano e un modellino in scala, oggigiorno sempre più spesso si utilizzano anche i render 3D per via dei tempi e dei costi di un modellino vero.
Personalmente faccio bozzetti a matita e poi li scannerizzo per colorarli con la tavoletta grafica (procedura che si stà diffondendo molto) e preparo un modello 3D quando proprio non è richiesto quello reale.
La fase successiva dei disegni esecutivi invece la realizzo quasi completamente con cad sempre per un motivo di tempo e costi; le parti fatte a mano le importo comunque all'interno di autocad per quotarle e così via ma le unità di misura dipendono dal dettaglio che sto rappresentando, quasi sempre i centimetri ma capita di avere dettagli in scala più grande del reale (es. 2:1, 5:1, 10:1) in cui allora utilizzo i millimetri.
Ognuno poi adotta il proprio stile lavorativo, l'importante è renderlo un punto di forza :wink:

Emanuele
Messaggi: 603
Iscritto il: 13 settembre 2007, 16:46
Località: Querceta di Seravezza (LU)

Re: Progettazione elementi scenografici

Messaggio da Emanuele » 12 agosto 2011, 19:19

Accidenti che spiegazione! :D

Per quanto riguarda i modellini in scala (è una curiosità...) durante l'anno accademico abbiamo fatto il modellino di una scena teatrale colorato ad acrilico, ma quando il prof. ce l'ha vista... è andato di matto, dicendo che non è un lavoro da scenografi o da accademia!
Ci disse che i modellini vengono semplicemente fatti in cartocino, legno e semplici, senza colorarli come una casa delle bambole...
Funziona così anche per le scenografie dei parchi?
Ultima modifica di Emanuele il 27 agosto 2012, 9:33, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Corty
Messaggi: 260
Iscritto il: 5 settembre 2008, 18:31
Località: UK

Re: Progettazione elementi scenografici

Messaggio da Corty » 16 agosto 2011, 0:38

Strano che il tuo prof abbia detto una cosa simile :shock: ...comunque non mi azzardo a dire che sia un metodo scorretto.
Il mio ci faceva fare tutto il più possibile simile all'effetto reale perchè per comprendere appieno un progetto scenografico e fare in modo che "parli" a chi lo osserva, dev'essere comprensivo di materiali, colori e in alcuni casi addirittura con le luci.
L'importante era che fosse tutto ben leggibile e funzionale :wink:

David Zen
Messaggi: 329
Iscritto il: 1 settembre 2012, 16:37
Località: Villaggio Tudor

Re: Progettazione elementi scenografici

Messaggio da David Zen » 7 settembre 2012, 0:58

Corty ha scritto:Ognuno poi adotta il proprio stile lavorativo, l'importante è renderlo un punto di forza :wink:
Emanuele ha scritto:Ma i bozzetti (concept) vengono disegnati a mano e successivamente scansionati per essere poi colorati in photoshop??
se non erro alcuni bozzetti, quelli fatti bene, vengono colorati a mano con i pennarelli di alta qualità, come i "copic"....ne ho visti alcuni di Mazzoli (ovviamente in internet)
mi par di capire che voi state facendo accademia di Belle Arti, Scenografia, giusto?....ma si pensa anche ai parchi divertimento?...perchè è un ambito che non trovo mai, cercando nelle info delle accademie....dovrebbero dare più importanza ai parchi, si tratta comunque delle più imponenti scenografie che possono realizzare...

Avatar utente
Corty
Messaggi: 260
Iscritto il: 5 settembre 2008, 18:31
Località: UK

Re: Progettazione elementi scenografici

Messaggio da Corty » 27 dicembre 2012, 11:48

Sono d'accordo con te sul fatto che nei dipartimenti di Scenografia delle Accademie bisognerebbe dar risalto non solo all'aspetto teatrale della materia ma abbracciare anche tutti i campi in cui essa può essere applicata (architettura, urbanistica, design d'interni, strutture commerciali, parchi divertimento, ecc..), purtroppo il tempo è sempre poco e le lezioni abbastanza "povere" quindi si dà risalto prevalentemente all'aspetto teatrale ed in parte cinematografico (nel biennio specialistico), da cui comunque deriva tutta la scenografia dei parchi divertimento essendo alla fine dei "palcoscenici" in cui il guest è l'attore che vi è inserito per vivere delle esperienze raccontate dalla scenografia che gli sta intorno (questo vale prevalentemente per i parchi tematici).
Comunque il "segreto" è far tesoro di tutte le informazioni possibili imparate (anche, e soprattutto al di fuori dell'accademia) e adattarle al campo in cui si vuole andare ad operare poi dopo il proprio corso di studi. :)

Rispondi

Torna a “Scenografie”