Gli amici di ThemeParkReview commentano i parchi italiani

Per discutere di Parksmania.it, il sito.
Avatar utente
Marco Bressan
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1137
Iscritto il: 8 aprile 2003, 12:59
Località: codroipo

Messaggio da Marco Bressan » 4 luglio 2005, 21:46

Roberto Canovi ha scritto:il fatto che nessuno al mondo ha visto così tanti parchi come Robb e Alyssa... nel mondo.
Questo vuole certamente dire qualcosa, almeno sulla loro competenza in materia.....
Detto ciò, è ovvio che i loro parametri di giudizio non sono quelli che vengono adottati da un comune "guest", ma sono fortemente influenzati dal fattore "originalità" e "qualità tecnica" delle attrazioni prese in esame, dal momento che ne hanno viste a migliaia in tutte le salse possibili e immaginabili....
...
Ma se ci basiamo sui parametri (e solo su quelli, beninteso) adottati dai ragazzi di Themeparkreview, non si può non dare loro ragione almeno all'80%
Almeno secondo il nostro personalissimo parere, è chiaro.
Roby, non discuto il tuo parere, che è quello, come non mi stanco di ripetere, di un grande e bravo oramai professionista del settore parchi.
Ma sai come la penso in fatto di originalità: l'ho scritto anche sopra...in Europa, di parchi Disney style ce ne sono tanti, ma nonostante dimensioni, cura e superiorità di attrazioni rispetto a gardaland, a mio personale giudizio sono delle copie senza "magia". Ad esempio Europa Park... l'ho visto solo in foto, è vero, riconosco la grandiosità del parco, ma dalle molte foto mi sembra molto kitch e pochissimo originale (materiale documentario ne ho tantissimo...); Per Phantasialand ci ho lavorato, come scultore a delle scenografie.... lo trovo kitchissimo e poco affascinante...
E' una questione di opinioni, (Claudio Mazzoli era d'accordo con me sul cattivo gusto dei pur curatissimi parchi tedeschi...).

Fuga da Atlantide, I Corsari, Le Jungle Rapids, anche fantasy kingdom o l'ormai quasi ventennale Valle dei Re, ce li invidiano molti parchi più grandi nel mondo, perchè pur con molte pecche tecniche, hanno una scenografia "magica" che non scade mai nel cattivo gusto....
Un giorno, davanti a delle foto, mi piacerebbe spiegarti i particolari "legnosi" che trovo in talune realizzazioni di questi parchi....

Per quanto riguarda Robb & Elissa.... mi resta l'impressione che se la visita fosse andata diversamente, cioè con congetture "favorevoli", si sarebbero limitati alle critiche costruttive, ma avrebbero espresso senz'altro un giudizio positivo sul parco...come ripeto: non lo hanno visitato se non a metà e in fretta! Io non visiterei mai due, tre parchi in un giorno come hanno fatto loro, magari per necessità.... come fai a divertirti, ad apprezzare??? da quel che ho capito sono arrivati che erano già in stato febbrile e stanchi morti....

Ciao, Magoz
Marco Bressan
Moderatore della community

Avatar utente
Crybio
Messaggi: 936
Iscritto il: 20 maggio 2004, 13:32
Località: Brescia
Contatta:

Messaggio da Crybio » 5 luglio 2005, 7:51

Può anche darsi che fossero stanchi morti, ma da quanto ho letto hanno visitato prima Mirabilandia, poi Gardaland, e dopo i Movie.. Quindi secondo me la stanchezza non c'entra nulla, soprattutto per loro, che fanno di questa passione la loro vita!

Avatar utente
Diego Gambini
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 88
Iscritto il: 12 settembre 2004, 13:37
Località: Toscolano Maderno (BS)

Messaggio da Diego Gambini » 5 luglio 2005, 9:31

Io mi trovo completamente d'accordo con magodioz, e voglio mettere in evidenza come in tutto il suo post rieccheggi continuamente la parola "magia"... è questa secondo me la migliore caratteristica di Gardaland.
Sulle attrazioni, sulla loro qualità tecnica e via dicendo si può parlare all'infinito, ed è giusto farlo, ma credo che non si possa restare indifferenti all'atmosfera "magica" in cui ci si emmerge entrando nel parco.
Io ormai ci vado da anni, lo conosco a memoria questo parco, quindi quando ci vado non più la smania di fare mille attrazioni, magari ci vado e ne faccio solo 3 0 4, ma solo passarci una giornata e girarci dentro è bellissimo, proprio per quell'atmosfera che lo pervade...
Credo di non essere l'unico a notare questa cosa...

Diego

mjfan80
Messaggi: 282
Iscritto il: 25 marzo 2003, 15:35
Località: Brescia

Messaggio da mjfan80 » 5 luglio 2005, 10:09

sicuramente garadaland ha la magia (secondo il moi modesto parere) che molti parchi non hanno

in italia non ne ho visto uno con questa magia (anche se i movie studios, anche se di un altra categoria, la magia ce l'hanno)

non conosco altri parchi nel mondo, bene pochi, ma credo che ben pochi, disney escluso, hanno la magia di Gardaland

ma questo è un giudizio di un Italiano... noi Italiani in questi fattori (gusto, filosofia, eccera) dobbiamo saperlo, siamo differenti da tutto il resto del mondo

noi siamo mammoni, coccoloni, profondamenti sentimentali, è molto probabile che noi vediamo la magia dove un americano vede solo un attrazione semirotta

non possiamo pretendere che un americano... meglio ancora, un non italiano.. possa avere i nostri stessi giudizi
in 60 caratteri non posso scrivere ciò che vorrei.

Avatar utente
Marco Bressan
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1137
Iscritto il: 8 aprile 2003, 12:59
Località: codroipo

Messaggio da Marco Bressan » 5 luglio 2005, 11:40

diegogamba ha scritto:Io mi trovo completamente d'accordo con magodioz, e voglio mettere in evidenza come in tutto il suo post rieccheggi continuamente la parola "magia"... è questa secondo me la migliore caratteristica di Gardaland.
.... credo che non si possa restare indifferenti all'atmosfera "magica" in cui ci si emmerge entrando nel parco...

Diego
GRAZIE DIEGO, mi fa molto piacere sapere che siamo sulla stessa lunghezza d'onda!!

magoz :) :) :)
Marco Bressan
Moderatore della community

Avatar utente
Silvia Forghieri
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 1417
Iscritto il: 21 agosto 2003, 10:35
Località: Como
Contatta:

Messaggio da Silvia Forghieri » 5 luglio 2005, 23:34

mjfan80 ha scritto:in america il rapporto con il guest è sacrosanto...
Avendo trascorso in america diverso tempo e nutrendo una sfrenata passione per gli States, mi trovo abbastanza d'accordo con l'idea di Robb e Elissa: l'ospite (o il cliente nel caso di servizi commerciali in generale) è sacro!

Ho avuto modo di provare diverse volte ad essere un cliente "coccolato"... e devo confessare che le prime volte, non essendo abituati, si prova una strana sensazione.

Ho avuto la sfortuna di provare un pronto soccorso americano... ebbene.. a parte il trattamento nel pronto soccorso stesso che è totalmente diverso da quello che viene riservato ai pazienti qui in Italia e di gran lunga superiore, pochissimi giorni dopo la mia visita ho ricevuto a casa un questionario valutativo con busta preaffrancata, per poter esprimere i giudizi sulle cure, sul trattamento e sul personale che ha assistito me e l'amico che mi aveva accompagnato.

Cito, ovviamente, anche un esempio legato ai parchi di divertimento.
Pochi giorni dopo la tragedia dell'11 Settembre, ero andata a visitare un piccolo parco nei dintorni di Houston. Per ovvi motivi di sicurezza, l'attrazione di punta del parco era chiusa. Il personale alle casse mi ha avvertito della cosa e soprattutto che non erano previsti sconti sul biglietto e nonostante io ringraziassi per l'avvertimento ma volessi comunque pagare il biglietto e visitare la parte agibile del parco, mi è stato ripetuto diverse volte che l'attrazione principale non era comunque agibile e che forse sarebbe stato meglio tornare al parco in un'altra occasione. Solo quando hanno capito che ero decisa ad entrare indipendentemente da quello, si sono convinti e mi hanno lasciato acquistare il biglietto. La stessa situazione l'ho vista ripetersi con altri guest!

Potrei essere d'accordo con Mago riguardo al discorso delle tematizzazioni (Gardaland ha delle tematizzazioni eccezionali, così come delle areee "nude" e altre che avrebbero bisogno di un bel restyling.. ma questo è un altro discorso)... ma credo che il giudizio di Robb e Elissa sia stato un po' un mix di tutti i fattori: tematizzazione, qualità/innovazione delle attrazioni, effetti speciali, e soprattutto rapporto con i guest!
Silvia Forghieri

Redazione Parksmania.it

Avatar utente
Marco Bressan
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1137
Iscritto il: 8 aprile 2003, 12:59
Località: codroipo

Messaggio da Marco Bressan » 6 luglio 2005, 11:28

D'accordo Silvia, ma hanno anche esaltato "a mille" i Movie Studios come se fossero il parco più originale d'Italia.... Se vogliamo parlare di equilibrio nei giudizi questo mi lascia decisamente perplesso!

Continuo a pensare che il giudizio così pesante, stizzoso ed ironico sul parco sia una risposta emotiva al rapporto con il personale sulla questione del cambio dei biglietti....

Ultima cosa: saranno anche dei grandi appassionati, ma Io, da appassioinato e professionista al tempo stesso del mondo dei parchi ti dico che, visitati come fanno loro, toccata e fuga tipo le star che girano dieci discoteche il sabato sera, ed il resto del tempo lo passano per strada, NON LO FAREI MAI.
Se il parco è evasione, è immergersi in una dimensione fantastica al di fuori della realtà, non lo puoi vivere come se fosse un supermercato, dove prendi e fuggi!

Magoz
Marco Bressan
Moderatore della community

Avatar utente
Silvia Forghieri
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 1417
Iscritto il: 21 agosto 2003, 10:35
Località: Como
Contatta:

Messaggio da Silvia Forghieri » 6 luglio 2005, 11:48

magodioz ha scritto: Ultima cosa: saranno anche dei grandi appassionati, ma Io, da appassioinato e professionista al tempo stesso del mondo dei parchi ti dico che, visitati come fanno loro, toccata e fuga tipo le star che girano dieci discoteche il sabato sera, ed il resto del tempo lo passano per strada, NON LO FAREI MAI.
Se il parco è evasione, è immergersi in una dimensione fantastica al di fuori della realtà, non lo puoi vivere come se fosse un supermercato, dove prendi e fuggi!
Su questo sono d'accordissimo con te Mago. Anch'io non visiterei mai un parco facendo una toccata e fuga... sarebbe come torturarmi!
In effetti non riesco a capire come possano aver visitato Mirabilandia in mezza giornata!
Segno che non si sono fermati ad osservare i particolari, ma che a loro interessava solo fare determinate attrazioni!

In effetti i veri parksMANIACI che si fermano ad osservare anche i più piccoli particolari... siamo noi! :wink:
Silvia Forghieri

Redazione Parksmania.it

Avatar utente
Marco Bressan
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1137
Iscritto il: 8 aprile 2003, 12:59
Località: codroipo

Messaggio da Marco Bressan » 6 luglio 2005, 16:06

Silvia Forghieri ha scritto: Segno che non si sono fermati ad osservare i particolari, ma che a loro interessava solo fare determinate attrazioni!

In effetti i veri parksMANIACI che si fermano ad osservare anche i più piccoli particolari... siamo noi! :wink:
D'accordissimo Silvia!!! :) :) :)
Tra l'altro quando facciamo più parchi in un giorno, come ai raduni, sono parchi italiani dove spesso siamo "di casa"!!!

Marco
Marco Bressan
Moderatore della community

Avatar utente
elissa
Messaggi: 38
Iscritto il: 30 agosto 2004, 14:28
Località: Roma

Messaggio da elissa » 6 luglio 2005, 17:39

^
Non avrò visitato così tanti parchi..ma sono comunque completamente d'accordo con te Roberto...fare un confronto a livello più "internazionale" cambia le carte in tavola..
Specialmente c'è parecchia differenza di trattamento con quelli Americani..
ed è vero che non sempre i nostri sono all'altezza..devo dire che sono rimasta colpita in special modo dall'hotel di Gland..se è vero quello che scrivono è qualcosa davvero incredibile considerato il prezzo e la qualità che dovrebbe avere l'unico hotel ufficiale di un parco!!..peccato..

Comunque ciò non toglie che a breve farò una capatina a Gland e Mira per il compleanno..tappa fissa!! ;)

Ci si "accontenta"...ma in Italia abbiamo una risorsa come il turismo che non è sfruttata come si potrebbe purtroppo!!

p.s.- io a Mira ci faccio almeno 2giorni tutti gli anni e..mi sembra sempre di non avere abbastanza tempo!!!! :lol:

Vivere i parchi "mordi e fuggi" secondo me è più adatto in periodi di poca affluenza, che ti permettono di non perdere tempo nelle file!!..e allora si..effettivamente si potrebbero girare anche un paio di parchi in una giornata..specie se sono vicini tipo Gland e Movie Studios..e se non si ha molto tempo da "predere"nel provare tutte tutte e attrazioni...

Avatar utente
Roberto Canovi
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2463
Iscritto il: 24 dicembre 2002, 19:02

Messaggio da Roberto Canovi » 6 luglio 2005, 20:10

E' lapalissiano che la visita "mordi e fuggi" tipica di Robb e Alyssa (non solo nei parchi italiani) sia qualcosa che fa inorridire i veri parksmaniaci, il sottoscritto per primo.
C'è però da sottolineare che i loro viaggi hanno uno scopo ben preciso e sicuramente non è quello di "godersi" il parco come farebbe una persona normale.
La loro esperienza in materia è comunque tale da permettergli, anche solo con un'occhiata, di capire molte più cose di quante ne percepisce un comune "guest" in mezza giornata.
Quando visiti centinaia di parchi e conosci migliaia di attrazioni (spesso l'esatta copia di altre, anche se con un diverso "vestito" scenografico), puoi anche permetterti di valutare un parco (secondo i parametri da loro decisi, OVVIAMENTE) in pochissime ore.
E giustamente rimani sconvolto quando in un hotel che ti chiede 200 euro a notte non trovi un minimo di servizi e di accoglienza che anche nel più scalcinato Motel americano il più delle volte trovi.
Basti riferire che nei Motel della catena Super8 (dai 55 agli 80 dollari a notte per cinque persone, colazione compresa e nella maggioranza dei casi dotati anche di piscina) è presente la connessione gratuita a internet in wireless.
Poi è chiaro che un americano resta sconvolto, no?
Roberto Canovi
Moderatore della community

Avatar utente
Marco Bressan
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1137
Iscritto il: 8 aprile 2003, 12:59
Località: codroipo

Messaggio da Marco Bressan » 6 luglio 2005, 20:20

elissa ha scritto:^
...fare un confronto a livello più "internazionale" cambia le carte in tavola..
Specialmente c'è parecchia differenza di trattamento con quelli Americani...
ma su questo sono completamente d'accordo con voi, anzi....
Però al di là del discorso di Robb & Elissa...resta il fatto che investire in Italia è già un atto di eroismo... in America non c'è questa pressione fiscale! Gardaland deve fare i conti con una nazione indebitata, che non combatte l'evasione, e ciuccia i soldi alle poche aziende sane!!!

Credimi, gli investimenti di Gardaland sono ingenti in rapporto ai guadagni... questa è la situazione, purtroppo... e sono tanti i parchi italiani che investono più per passione dei proprietari, che ci tengono per orgoglio e speranza nel futuro a mantenere pulite e funzionali le strutture, molte volte andando alla pari con i costi....

Rendiamoci conto che siamo il paese con la peggiore situazione d'Europa...
Oggi l'Aqualandia di Jesolo era STRAPIENA di gente, e mio fratello, che lavora in azienda con me ha fatto una giusta considerazione, cioè che questo è dovuto alla situazione estera degli altri stati che è già in miglioramento!

Guarda, non voglio dire di essere l'unico piccolo imprenditore (giovane...) che paga tutte le tasse, ma uno dei pochi sì, e si ha veramene l'impressione che invecie di combattere chi non le paga, il governo si "attacca" alle sottane di chi è già abbondantemente tartassato.
Questo per dire che i parchi oggi non evadono più un Euro di tasse, perchè gli introiti entrano da biglietterie e negozi tutti ormai informatizzati e controllatissimi.
SONO AZIENDE SANE, e meritano, in questo panorama difficile enorme rispetto.
Questo è un metro di giudizio che Robb ed Elissa non possono conoscere, e del resto non pretendo che ne tengano conto, ma dobbiamo tenerne conto noi Italiani quando critichiamo certe scelte "limitate" in fatto di investimenti ecc....

Ciao, Marco

:roll:
Marco Bressan
Moderatore della community

Avatar utente
elissa
Messaggi: 38
Iscritto il: 30 agosto 2004, 14:28
Località: Roma

Messaggio da elissa » 7 luglio 2005, 14:14

^

Bè...le mie critiche non andavano tanto alla qualità/quantità di "investimenti", quanto alla competenza del personale..sinceramente un minimo di "internazionalità" in più sarebbe meglio..;) ci sono tantissime persone competenti in Italia!!..è un peccato perdere guest semplicemente per ignoranza o "burocrazia estrema"...

Insomma..giusto prendere qualche spunto positivo dagli americani..c'è da riconoscere che nonostante tutto..ci sanno fare con l'organizzazione..!! :lol:

Avatar utente
Marco Bressan
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1137
Iscritto il: 8 aprile 2003, 12:59
Località: codroipo

Messaggio da Marco Bressan » 7 luglio 2005, 16:27

elissa ha scritto:^

Bè...le mie critiche non andavano tanto alla qualità/quantità di "investimenti", quanto alla competenza del personale..sinceramente un minimo di "internazionalità" in più sarebbe meglio..;) ci sono tantissime persone competenti in Italia!!..è un peccato perdere guest semplicemente per ignoranza o "burocrazia estrema"...

Insomma..giusto prendere qualche spunto positivo dagli americani..c'è da riconoscere che nonostante tutto..ci sanno fare con l'organizzazione..!! :lol:
Ma sono d'accordo! l'unica cosa è che il personale di Gardaland è comunque gentilissimo, almeno secondo i parametri Europei!

Magoz
Marco Bressan
Moderatore della community

Avatar utente
Crybio
Messaggi: 936
Iscritto il: 20 maggio 2004, 13:32
Località: Brescia
Contatta:

Messaggio da Crybio » 7 luglio 2005, 16:36

Evidentemente i paramteri europei differiscono da quelli americani..

Rispondi

Torna a “Il sito Parksmania.it”