Pagina 56 di 59

Re: Fuga da Atlantide

Inviato: 28 luglio 2020, 20:00
da D@nyCoaster
Confermo, perchè presi una insolazione nella sua prima estate... non era coperta. Ed è rimasta scoperta per diversi anni, probabilmente fino alla stagione 2013, per poi essere coperta (come dice SimGy)

Re: Fuga da Atlantide

Inviato: 28 luglio 2020, 22:53
da ciu85
Ricordo bene a luglio 2003 ben 2 ore e mezza di coda sotto al sole cocente

Re: Fuga da Atlantide

Inviato: 28 luglio 2020, 23:21
da christiancaponnetto
Sì, fino al 2013 era sotto al sole. Però c’erano dei nebulizzatori in tutta la coda.

Re: Fuga da Atlantide

Inviato: 28 luglio 2020, 23:41
da D@nyCoaster
All'inizio neanche le nebulizzazioni, è stata una trovata successiva, che apprezzai molto... ma poi smisi di andare al parco nei periodi con le code, e sceglievo solo i giorni di deserto assoluto, e ho risolto :lol: :lol:

Re: Fuga da Atlantide

Inviato: 28 luglio 2020, 23:58
da Danilo
I nebulizzatori vennero tolti perché la gente si lamentava perché veniva bagnata e perché i cellulari dell'epoca venivano rovinati.
Sarebbe anche ora (aspetta e spera....) di rifare totalmente la coda, magari anche tematizzandola e creando corridoi al chiuso.
Potrebbero girare carico-scarico e approfittare del lato ex negozio per creare con l'attuale coda e l'identica zona fronte ex negozio foto una struttura indoor tematizzata fuori e dentro ed usare l'attuale ingresso express come uscita.
Ovviamente credo si sia già capito che mi ispiro alle code di Arthur, Voletarium o CanCan Coaater, tanto per dire.
Tanto non avverrà mai.

Re: Fuga da Atlantide

Inviato: 29 luglio 2020, 9:19
da Harlock1O
Secondo me si dovrebbero mettere dei ventilatori, come ho visto nei parchi in America, che almeno rinfreschino le persone in coda.
Non solo in fuga ma anche in tutte le code al caldo, vedi Mammut e Shaman, Volaplano ecc

Per i cellulari bagnati invece non capisco che problema possa essere il nebulizzatore se poi sali su una giostra dove ti lavi tra cascate e spruzzi :lol: :lol:

Re: Fuga da Atlantide

Inviato: 29 luglio 2020, 10:28
da dvdik
L'intero parco avrebbe bisogno di una riorganizzazione delle code.
Ad oggi quella più tematizzata rimane Space Vertigo, peccato che però il tornello rimane esterno ed una volta dentro si percorre tutto il corridoio fino alla fine.
L'idea di invertire l'entrata e l'uscita di Fuga sarebbe molto bella, almeno per un pezzo sarebbe al coperto e con le finestre si avrebbero viste sull'attrazione.

Il discorso cellulari ha senso nel momento in cui, per passare il tempo in coda, ti metti a guardare qualcosa mentre quando sali poi lo nascondi nello zaino od in tasca

Re: Fuga da Atlantide

Inviato: 29 luglio 2020, 10:45
da D@nyCoaster
Chissà che prima o poi non ci arrivano all'idea di invertire ingresso con uscita, anche se bisogna considerare che un luogo al chiuso, per ospitare più persone contemporaneamente, deve avere un numero conseguente di uscite di sicurezza e un percorso fattibile dopo questa uscita di sicurezza. E magari non riescono a fare ciò... spesso un motivo c'è se alcune cose non vengono fatte. Magari è questo il caso... o magari sono io troppo buono :lol:

Re: Fuga da Atlantide

Inviato: 29 luglio 2020, 10:47
da dvdik
Un'uscita di sicurezza c'è già alla fine del corridoio, nel lato a sud.
Tra l'altro, stiamo parlando di 20 metri forse di percorso coperto, mica delle scale a scendere dei corsari.

Edit: mi correggo, da Gmaps mi indica sui 45 metri in totale di percorso coperto.

Re: Fuga da Atlantide

Inviato: 29 luglio 2020, 10:54
da D@nyCoaster
Che dire... magari non vogliono perdere la zona come possibile futuro commerciale, anche se è sempre stato fallimentare. Una cosa è certa: quella coda lì davanti, così disordinata e caotica (soprattutto da quando hanno allargato alcuni punti interni della serpentina), è proprio orrenda. L'ho sempre pensato, fin dall'inizio, ma ultimamente proprio non la sopporto più. Ma come si dice, pace amen... c'è di peggio. Però non nascondo che quando vedo che comincia a riempirsi (parlo di periodi pre-Covid, ora la evito a prescindere) vado a fare altro e torno in momenti, o giorni, meno caotici. E mi evito anche il sole... questo non cambia il fatto che appoggio le critiche che stiamo facendo, anche perchè le trovo molto costruttive.

Re: Fuga da Atlantide

Inviato: 29 luglio 2020, 10:56
da Danilo
Le uscite di sicurezza nel caso le implementi, anche se la parete esterna dell'ex negozio confina con il canale nulla vieta di creare un uscita che dia su un ponte tematizzato che porti alla terrazza panoramica, come già avviene per l'uscita di sicurezza che citava dvdik.
Ma comunque stiamo facendo assoluta fantascienza....

Re: Fuga da Atlantide

Inviato: 29 luglio 2020, 10:58
da D@nyCoaster
Dai Danilo... la fantasia e la creatività non ammazza nessuno, anzi è proprio l'anima della vita. Che magari ci copiano... no, questa ultima frase è fantascienza davvero, hehe :lol:

Re: Fuga da Atlantide

Inviato: 29 luglio 2020, 11:10
da dvdik
Il problema è che anche in questo caso (come nel topic dei corsari) ci troviamo a commentare delle minuzie che però potrebbero cambiare tanto l'esperienza.
Non stiamo parlando di fare un'attrazione da 40 milioni ex novo, ma di capire cosa non va in quella attuale e migliorarla.

Cavolo, persino re-inserire il serpente dopo la prima discesa sarebbe un investimento maggiore che riorganizzare la QL.

Re: Fuga da Atlantide

Inviato: 29 luglio 2020, 12:40
da Harlock1O
Secondo me il problema é che le migliorie al pre esistente non portano nuovi guest e vengono ignorate fino al limite della decenza, questa cosa la facevano anche prima della Merlin ma almeno presentavano delle ottime novità in grado di attirare folle di ospiti.
Ora sono 5 anni di nulla...

Re: Fuga da Atlantide

Inviato: 29 luglio 2020, 12:56
da Thunder
Che migliorare un parco non porti ingressi va dimostrato.
Fuori dall'Italia abbiamo molti esempi di parchi grandi e piccoli che prosperano e che continuano a migliorarsi, senza per forza dover spendere milionate di euro in novità: anche il tornare e trovare sempre nuovi dettagli fa piacere.

Le queue line in Italia sono asettiche, mentre altrove diventano esperienza integrante dell'attrazione: da quelle più sofisticate come Peter's Pan flight o Voletarium, a quelle più semplici ma in cui hai milioni di cose da vedere (Can Can Coaster, Expedition Everest), e il costo di queste sul totale dell'attrazione può risultare limitato con un grande effetto scenico.