Desmo Race

Forum dedicato alle discussioni su Mirabilandia.
Rispondi
Niko75
Messaggi: 74
Iscritto il: 27 marzo 2018, 18:38

Re: Desmo Race

Messaggio da Niko75 » 26 giugno 2020, 23:47

Mi chiedo se la dirigenza si stia facendo un’esame di coscienza di questo loro fallimento. Tengono in piedi ancora Autodplash e buttano i soldi per cose assurde. Una volta Mirabilandia era stata definita la Cedar Point d’Europa ma ora non lo è più. Ci vorrebbe un Hyper Coaster forse per risollevare le sorti di questo parco.

Thom
Messaggi: 513
Iscritto il: 1 dicembre 2018, 16:54

Re: Desmo Race

Messaggio da Thom » 26 giugno 2020, 23:52

Ma magari un hyper coaster, prima dell'annuncio di divertical ci speravo.

Avatar utente
Andrez
Messaggi: 2017
Iscritto il: 27 giugno 2011, 12:59
Località: Bergamo

Re: Desmo Race

Messaggio da Andrez » 27 giugno 2020, 12:51

Charlie ha scritto:
26 giugno 2020, 22:02
Credo che questo coaster, come tutta l’area, sia il flop più colossale della storia di tutti i parchi italiani, in proporzione all’”investimento”.
secondo me,il peggiore rimane divertical,mi da l'idea di "posso ma non voglio",un enorme spazio sprecato a mio avviso
Europa Park <3
Disney Dreams *.*

Avatar utente
Charlie
Messaggi: 947
Iscritto il: 3 marzo 2015, 15:02

Re: Desmo Race

Messaggio da Charlie » 27 giugno 2020, 13:46

Beh quello sì, ma non è un vero e proprio flop.
O meglio, per noi è un flop, ma non per i comuni mortali o la dirigenza. Con Desmo anche i comuni mortali si sono accorti del flop

Avatar utente
peppe2994
Messaggi: 13472
Iscritto il: 17 maggio 2009, 11:52

Re: Desmo Race

Messaggio da peppe2994 » 27 giugno 2020, 13:49

Concordo. Con Desmo Race c'è stato un danno d'immagine epico, aspetto che va oltre alla semplice analisi su quanto sia bella o brutta l'attrazione in sé.
La Maurer tendenzialmente non è economica. Non sono per niente sicuro che l'abbiano pagato poco.

Avatar utente
Charlie
Messaggi: 947
Iscritto il: 3 marzo 2015, 15:02

Re: Desmo Race

Messaggio da Charlie » 27 giugno 2020, 14:00

Nemmeno io credo che l’abbiano pagato così poco. C’è tanta ferraglia, tanta manodopera, tanta tecnologia e tanti impianti da gestire. Consideriamo anche le moto, che se non sbaglio sono 12 e già di loro costeranno un’esagerazione. Ma perché questa roba?
Piuttosto, non se n’è saputo nulla del presunto e speculato sconto Intamin visto il fail di Divertical?
Qua collezionano tosaerba e figure di m*rda e nessuno paga, se non Mirabilandia stessa.
Vabbè che sono loro a scegliere queste robe. #-o

WC90
Messaggi: 24
Iscritto il: 29 aprile 2020, 22:33

Re: Desmo Race

Messaggio da WC90 » 27 giugno 2020, 16:19

Charlie ha scritto:
26 giugno 2020, 22:02
Credo che questo coaster, come tutta l’area, sia il flop più colossale della storia di tutti i parchi italiani, in proporzione all’”investimento”.
Oltre all'"investimento" e all'hype farlocco c'è l'aggravante del marchio Ducati buttato lì. Non ho idea di che tipo di accordi abbiano preso ma non credo che la Ducati sia tanto contenta di avere il suo marchio in un'area che ora è più una rimessa di rottami.

peppe2994 ha scritto:
27 giugno 2020, 13:49
La Maurer tendenzialmente non è economica. Non sono per niente sicuro che l'abbiano pagato poco.
Dipende cosa intendi per poco. Certo, pensare che magari sia costato anche mezzo RMC è comunque un colpo al cuore, ma do per scontato che il grande investimento che sbandieravano era una puff all'italiana. Del tipo: compensiamo la mediocrità degli investimenti con paroloni, facendo leva sull'ignoranza di stampa e pubblico.
Qualcuno si è anche smascherato da solo. "avremmo potuto comprare un coaster più grande, più lungo, più grosso, più costoso" :lol:

Avatar utente
Charlie
Messaggi: 947
Iscritto il: 3 marzo 2015, 15:02

Re: Desmo Race

Messaggio da Charlie » 27 giugno 2020, 16:56

WC90 ha scritto:
27 giugno 2020, 16:19
Charlie ha scritto:
26 giugno 2020, 22:02
Credo che questo coaster, come tutta l’area, sia il flop più colossale della storia di tutti i parchi italiani, in proporzione all’”investimento”.
Oltre all'"investimento" e all'hype farlocco c'è l'aggravante del marchio Ducati buttato lì. Non ho idea di che tipo di accordi abbiano preso ma non credo che la Ducati sia tanto contenta di avere il suo marchio in un'area che ora è più una rimessa di rottami.
Io spero vivamente che da contratto, Ducati, abbia obbligato a mantenere un certo livello di decenza. Se così fosse possiamo ridere ed aspettare, dato che dato che l’inadeguatezza e l’oscenità non è così invisibile ed impercettibile. Ducati già si sarà accorta di queste “”incongruenze””, è Mirabilandia che a testa alta continua a martellare su questa robaccia

Harlock1O
Messaggi: 467
Iscritto il: 28 gennaio 2017, 12:39

Re: Desmo Race

Messaggio da Harlock1O » 29 giugno 2020, 14:24

Non so come funzionino i contratti per gli ottovolanti, ma se mi vendi un prodotto deve funzionare come da specifiche, qui non sono mai riusciti a farlo andare completamente manco una volta.

Era meglio un motorcoaster Zamperla o un Vekoma

Una cosa così, magari duel.
https://amusingthezillion.com/2010/02/1 ... ey-island/
Ultima modifica di Harlock1O il 29 giugno 2020, 14:33, modificato 1 volta in totale.

Danilo
Messaggi: 6514
Iscritto il: 26 aprile 2007, 17:12
Località: Crema

Re: Desmo Race

Messaggio da Danilo » 30 giugno 2020, 10:57

WC90 ha scritto:
27 giugno 2020, 16:19
Charlie ha scritto:
26 giugno 2020, 22:02
Credo che questo coaster, come tutta l’area, sia il flop più colossale della storia di tutti i parchi italiani, in proporzione all’”investimento”.
Oltre all'"investimento" e all'hype farlocco c'è l'aggravante del marchio Ducati buttato lì. Non ho idea di che tipo di accordi abbiano preso ma non credo che la Ducati sia tanto contenta di avere il suo marchio in un'area che ora è più una rimessa di rottami.
Te lo spiego io che ho avuto esperienza con loro quando qualche anno fa nell'azienda dove lavoravo prima abbiamo sviluppato un progetto a marchio Ducati commissionato dalla parte marketing della finanziaria che era all'epoca proprietaria sia del nostro gruppo che di Ducati (Investindustrial).
In Ducati esiste una divisione marketing che si occupa della gestione e monetizzazione del marchio, tale divisione si preoccupa in primis della qualità estetica di qualunque progetto riporti il marchio e della sua diffusione/monetizzazione.
Generalmente la concessione del marchio tendono a farla su periodi almeno decennali e su progetti longevi a livello produttivo quindi non prodotti dal ciclo produttivo di mesi o pochi anni.
Nel caso del nostro prodotto era previsto un versamento di diritti annuali piuttosto importante che andava a ricadere sui volumi minimi produttivi a livello importante, i prodotti sarebbero stati poi venduti in esclusiva da loro nel loro circuito di concessionarie o presso distributori indicati da loro con il divieto di commercializzazione in autonomia ed indipendenza da parte nostra.
Tutto ciò indipendentemente dalle caratteristiche tecniche del prodotto, delle sue prestazioni e della sua affidabilità.
Funzionava o non funzionava? importanza zero
Era affidabile o moriva dopo pochissimo? Importanza zero
Cosa importava? oltre la parte economica specificata prima, che la realizzazione dei prototipi e della produzione fosse fedele ed approvata al 100% dal designer ideatore dell'estetica e della funzionalità e che l'avrebbe "firmato" con l'apposizione del "designed by", nel nostro caso l'ideatore della torcia Olimpica di Atene 2004, Andreas Varotsos.
Indossa le cinture, rispetta i limiti, non guidare se bevi, non drogarti a prescindere e se vuoi provare forti emozioni scendi in pista e frequenta i parchi!!!!!

La vita godila, non sprecarla.......

Rispondi

Torna a “Mirabilandia”