[Attualità] Emigrazione italiana

Messaggi fuori dall'argomento parchi.
Rispondi
Avatar utente
alexxx1209
Messaggi: 1650
Iscritto il: 29 luglio 2009, 9:56
Località: Weinsheim (Kr. Bad Kreuznach), Germania
Contatta:

[Attualità] Emigrazione italiana

Messaggio da alexxx1209 » 28 maggio 2015, 9:03

In questi giorni, o per meglio dire negli ultimi anni, si parla sempre di più di italiani che "scappano" all'estero.
Cosa ne pensate voi? Perchè le persone "scappano"? Sono dei codardi o sono persone che hanno un obiettivo?
E voi, sareste disposti a farlo, in cambio di una vita "migliore", o magari l'avete gia fatto?

Io non mi pronuncio per ora perchè non vorrei influenzare le idee, logicamente rispondo anche io, magari dopo il prossimo messaggio.

PS: non è un sondaggio, ma solo una raccolta di idee per iniziare una discussione che spero sia costruttiva per tutti
Alessandro Ricci

Immagine

Danilo
Messaggi: 6318
Iscritto il: 26 aprile 2007, 17:12
Località: Crema

Messaggio da Danilo » 28 maggio 2015, 10:09

E' un argomento non facile molto amplio e per questo delicato.

Come la penso?

La scelta di andare all'estero è una scelta di vita, difficile e profonda, che va pesata bene e sopratutto ben consci delle proprie capacità e ben consci di che rischio ci si prende.

Cosa può portare all'estero una persona?
Il bisogno? l'ambizione? La ricerca di strade facili? lo scappare perchè tutto qui fa schifo?

Scappare? mai
Si deve sempre lottare per mantenere le proprie radici, la propria cultura, la possibilità di vivere a casa propria, con i propri famigliari ed i propri amici.
Se ci si è dati da fare veramente per cercare un opportunità e non ci sono possibilità alcune, giusto provare una nuova strada, anche radicale come l'emigrare.
Se una persona ha ambizioni perchè vuole conoscere culture differenti, perchè è affascinato da alcuni aspetti o alcune nazioni, perchè vorrebbe fare un mestiere particolare difficile da intrapprendere in Italia, fa benissimo.
Se una persona dice solo: ho fatto due domande non trovo nulla, ho studiato per...ma trovo soltanto per...., qui tutti rubano, qui tutto fa schifo, vado via dall'Italia perchè mi vergogno di essere italiano....., beh, caro/a mio/a se ragioni così, sei un perdente o un incoscente e pensi solo di cercare una scorciatoia, facendoti guidare dal populismo e dalla poca voglia, vattene pure, non abbiamo bisogno di te.

La sfida più grande comunque resta quella di cambiare il mondo che ci circonda direttamente, di emergere dentro esso, di fare si che nessuno debba sentire il bisogno di dire, vado via dall'Italia per....
In ogni caso certe scelte meritano il rispetto, perchè sradicarsi non è per nulla facile e richiede coraggio.
Indossa le cinture, rispetta i limiti, non guidare se bevi, non drogarti a prescindere e se vuoi provare forti emozioni scendi in pista e frequenta i parchi!!!!!

La vita godila, non sprecarla.......

Avatar utente
alexxx1209
Messaggi: 1650
Iscritto il: 29 luglio 2009, 9:56
Località: Weinsheim (Kr. Bad Kreuznach), Germania
Contatta:

Re: [Attualità] Emigrazione italiana

Messaggio da alexxx1209 » 28 maggio 2015, 12:25

So' che questo non è un argomento facile, ma spesso, per molte persone, è riassumibile in poche parole, troppe volte dette in modo frettoloso e approssimativo.

Io fino a poco tempo fa vedevo l'emigrazione come una sorta di scorciatoia, un metodo semplice e frettoloso di risolvere le cose. Io sono sempre stato dell'idea che non avrei mai lasciato l'Italia, perchè bisogna cambiare la propria nazione dall'interno.

Ma poi ricevetti un'offerta che non potevo rifiutare e ora mi trovo in Germania.

Da quel giorno tutti i miei pensieri, le mie considerazioni precedenti, sono svanite nel nulla.
L'emigrazione non è semplice, è qualcosa che ti stravolge la vita, ti distrugge come essere umano, distrugge la tua personalità.
Sì, hai grandissime aspettative, ma sai che non sarai mai visto come parte integrante della nazione in cui ti trovi, sai che non potrai pretendere nulla dagli altri, perchè non sei nessuno.
Devi imparare ad essere umile, perchè come te ne esistono altri 100.000, che in più hanno il pregio di essere madrelingua. Quindi devi accontentarti dei lavori che ti si presentano, non puoi pretendere troppo.

Non voglio dire che andare a vivere in un altro paese sia il trauma più grande della vita, ma adesso, dopo anni di convinzioni sbagliate, ho capito che non è semplice, sia per chi esce dall'Italia e sia per chi entra.

E per questo, ci sono persone che dopo essere scappate, ritornano con la coda fra le gambe, schiacciate dalle difficoltà, dalla solitudine, dal senso di inadeguatezza.

Comunque, per chi fosse minimamente interessato, io dico sempre di provare. E' un esperienza unica, ricca di emozioni e novità, che se affrontata con lo spirito giusto, si rivela estremamente fruttuosa, soprattutto a livello di esperienze.

Sarei curioso di sapere cosa ne pensano i più giovani, quelli che magari ancora vanno a scuola o che stanno finendo adesso.


PS: si capisce che sto passando un periodo emozionalmente turbolento? non scrivo mai di queste cose ne ne parlo con gli altri :shock:
Alessandro Ricci

Immagine

Avatar utente
Matteo Riboldi
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 6684
Iscritto il: 26 marzo 2005, 11:58
Località: Lissone (MB)

Re: [Attualità] Emigrazione italiana

Messaggio da Matteo Riboldi » 28 maggio 2015, 14:20

Io sono troppo attaccato ai familiari e amici per lasciare l'Italia, tuttavia se non avessi avuto un impiego valido avrei valutato l'idea di lasciare il Paese. Mi fa davvero ribrezzo lavorare per mantenere questo Stato che combatte la mafia ma che non si rende conto (o forse si) di esserlo a sua volta.
Matteo Riboldi
Amministratore della community

Avatar utente
Lordark994
Messaggi: 229
Iscritto il: 23 febbraio 2009, 12:45
Località: Spinea

Re: [Attualità] Emigrazione italiana

Messaggio da Lordark994 » 28 maggio 2015, 14:20

alexxx1209 ha scritto:Sarei curioso di sapere cosa ne pensano i più giovani, quelli che magari ancora vanno a scuola o che stanno finendo adesso.
Io sto ancora frequento l'università e lavoro in un'azienda parastatale da due stagioni estive, ti garantisco che non metterei piede fuori dall'Italia neanche se mi obbligassero. E' una scelta da come la vedo io, che ti porta a tranciare tutto.
Se io mi trovo bene con i legami che ho qui perchè dovrei fare questa scelta?

Il lavoro c'è, anche se poco; nonostante ci siano sempre i raccomandati nei posti piu' remunerati ma una persona non troppo ambiziosa nel suo piccolo riesce a campare e stare bene pure qui. Nel futuro poi vedo margini di crescita sia da parte mia che nell'Italia, quindi perchè dovrei emigrare? Emigrare è come scommettere in borsa, ti puo' andare bene ma se ti va male perdi anni della tua vita alla ricerca di un sogno che pensavi fosse fuori dal tuo paese, quando in realtà era di fronte casa tua.
La bellezza delle cose esiste nella mente di chi le osserva.

Danilo
Messaggi: 6318
Iscritto il: 26 aprile 2007, 17:12
Località: Crema

Re: [Attualità] Emigrazione italiana

Messaggio da Danilo » 28 maggio 2015, 14:25

PS: si capisce che sto passando un periodo emozionalmente turbolento? non scrivo mai di queste cose ne ne parlo con gli altri ]
Si capisce e si capisce bene!

Si capisce anche che non hai fatto quella scelta come scorciatoia o per scappare da chissà che cosa.
E quindi meriti tutto il rispetto e la stima per il coraggio che hai avuto ad andartene, ed il coraggio che hai per non tornare.
Ultima modifica di Danilo il 28 maggio 2015, 14:49, modificato 2 volte in totale.
Indossa le cinture, rispetta i limiti, non guidare se bevi, non drogarti a prescindere e se vuoi provare forti emozioni scendi in pista e frequenta i parchi!!!!!

La vita godila, non sprecarla.......

Avatar utente
alexxx1209
Messaggi: 1650
Iscritto il: 29 luglio 2009, 9:56
Località: Weinsheim (Kr. Bad Kreuznach), Germania
Contatta:

Re: [Attualità] Emigrazione italiana

Messaggio da alexxx1209 » 28 maggio 2015, 14:32

Grazie Danilo, ma ti assicuro che ora come ora non tornerei mai indietro. Al massimo andrei da un'altra parte :D
Lordark994 ha scritto: E' una scelta da come la vedo io, che ti porta a tranciare tutto.
Se io mi trovo bene con i legami che ho qui perchè dovrei fare questa scelta?
Infatti è questa la domanda che mi faccio anche io: perchè scappare all'estero quando potresti lavare i piatti anche in Italia? Ma questo è un ragionamento da persona che vive vicino a città grandi, come Roma nel mio caso.

Ma per le persone che vivono in paesi sperduti della Sicilia, ad esempio, che differenza farebbe spostarsi all'estero o a Roma?
Conosco persone che sono della Sicilia e vivono a Roma, anche in quel caso hai dovuto tranciare tutto, o forse, grazie alle tecnologie di oggi è possibile sentire meno il distacco?

Comunque mi piace questa discussione, sentire pareri contrastanti e capire come è cambiato il modo di pensare. Ad esempio, quando io andavo a scuola, tutti sognavano di emigrare.
Matteo Riboldi ha scritto:Io sono troppo attaccato ai familiari e amici per lasciare l'Italia
Dai che ad Europa Park ho quasi convinto Alessandra a trasferirsi in Germania :lol:
Alessandro Ricci

Immagine

Rispondi

Torna a “Off Topic”