[Curiosità] Treni a levitazione magnetica

Messaggi fuori dall'argomento parchi.
Rispondi
Avatar utente
matt1
Messaggi: 334
Iscritto il: 13 febbraio 2013, 12:31

[Curiosità] Treni a levitazione magnetica

Messaggio da matt1 » 21 settembre 2013, 18:39

Ciao, l'altro giorno stavo rientrando a casa in treno, ma per un guasto ai motori sono rimasto a piedi, così mi sono messo a pensare se mettere dei magneti sotto i binari del treno (e renderlo un "launched train") in ogni stazione e in mezzo a due stazioni (considerate che la linea dove ero non ha grandi distanze da compiere, ma se ne possono sempre aggiungere) in modo tale da essere sia più veloci che teoricamente senza rischi (se si blocca un magnete si da più potenza agli altri).

Che sia funzionante o no la cosa? :D

Avatar utente
Io Voto Europa Park
Messaggi: 1914
Iscritto il: 5 gennaio 2012, 20:16
Località: Fontanafredda

Re: Launched train

Messaggio da Io Voto Europa Park » 21 settembre 2013, 18:58

In pratica, il Maglev! :D
Un popolo di poeti di artisti di eroi di santi...

Avatar utente
matt1
Messaggi: 334
Iscritto il: 13 febbraio 2013, 12:31

Re: Launched train

Messaggio da matt1 » 21 settembre 2013, 20:42

WoW esiste una roba del genere? :shock:

Avatar utente
Io Voto Europa Park
Messaggi: 1914
Iscritto il: 5 gennaio 2012, 20:16
Località: Fontanafredda

Re: Launched train

Messaggio da Io Voto Europa Park » 21 settembre 2013, 20:52

Sì, i cosiddetti treni a levitazione magnetica (nel gergo popolare sono i famosi treni proiettile) che funzionano grazie, appunto ai magneti. Non so spiegarti nel dettaglio, ma so che questi treni arrivano a velocità mostruose! :shock:
Un popolo di poeti di artisti di eroi di santi...

Avatar utente
peppe2994
Messaggi: 13002
Iscritto il: 17 maggio 2009, 11:52

Re: Launched train

Messaggio da peppe2994 » 21 settembre 2013, 23:32

Che bello, vediamo di approfondire :)

Intanto no matt1 la tua idea non può funzionare neanche lontanamente all'atto pratico.
Tu proponi di accelerare i treni magneticamente come se fosse il treno di un roller coaster il che non è possibile perché:
1) Pensa ad un launched coaster, i vagoni sono mille volte più piccoli, bassi e leggeri se paragonati con i normali vagoni di un treno. Inoltre un treno classico è molto lungo in confronto ad un treno da roller coaster per cui va da se che la potenza necessaria per spostare un treno classico è infinitamente superiore rispetto a quella richiesta da un coaster. Benché tale potenza sia possibile, non è economicamente sostenibile. Consumi astronomici insostenibili.
2)Un magnete non è solo un magnete, si tratta di elettromagneti che senza corrente elettrica per amplificare il campo non funzionano per cui nascono i problemi di cui sopra
3) I magneti pesano, il loro posizionamento al di sopra del treno è possibile in stazione ma fuori da essa si renderebbe necessario collocarli in basso con migliaia di volt che giungono ad essi il che non è possibile per ovvie questioni di sicurezza. Sarebbe come far passare per terra gli elettrodotti.
4)L'attrito c'è, è forte e non si può eliminare con i treni attuali, quindi come per i coaster i magneti andrebbero uno di seguito l'altro o quasi, una infinità di miliardi di spesa circa :mrgreen:
5)L'inquinamento elettromagnetico fa male alla salute ed ai dispositivi elettronici quindi sarebbe impossibile passarci vicino e chi sta sul treno non è esente da ciò, neanche i rivestimenti più completi possono risolvere il problema in quanto in linea molto generale bisognerebbe schermare basse frequenze (la tipica 50 Hz) ed alte frequenze piuttosto variabili a seconda della velocità del treno, insomma un lavoro folle e costoso.

Allora ci si arrende? Assolutamente no, ed è così che nasce la tecnologia di sospensione elettrodinamica (EDS) la cui idea è banalmente basata sull'attrazione ( e repulsione) dei poli magnetici. Una cosa però è far respingere due magnetini altra cosa sono tonnellate di treno che devono pure muoversi a velocità elevate quindi per quanto ci fosse l'idea non fu subito possibile attuarla per mancanza di tecnologia adeguata.
Esperimenti nel corso degli anni portarono a risultati per piccole dimensioni, ma fallimenti sul piano pratico per mancanza di stabilità o velocità raggiungibile molto ridotta ( rispettivamente tipologie EMS e Inductrack).

La soluzione ideale è trovare un magnete talmente potente da respingere qualunque campo magnetico, e caso vuole che esistano per davvero con un piccolo inconveniente, devono essere raffreddati ad almeno 253 gradi sotto zero, e parliamo di materiali relativamente moderni, alcuni richiedono temperature anche più basse.
Questi materiali sono i superconduttori che risolvono qualunque problema di tipo elettrico ed elettronico, ma l'inconveniente è grosso. Qualcuno ci ha investito sopra, ha accettato le spese che derivano dalla criogenia ed ha permesso di realizzare 623 km/h, un record bellissimo destinato in futuro ad essere battuto grazie alle magiche proprietà che permettono di azzerare gli effetti di dispersione elettrica e magnetica.

Dimenticavo, il piccolo inconveniente ulteriore è che il treno deve andare sempre dritto.

Avatar utente
canturigio
Messaggi: 448
Iscritto il: 10 settembre 2012, 16:31
Località: Cantù (Como)

Re: Launched train

Messaggio da canturigio » 22 settembre 2013, 20:57

documentario visto in tv hanno affermato che sono riusciti a portare la temperatura per i superconduttori a -170° circa, è ancora eccessivo, ma se studiando hanno tolto quasi 100° sono sulla strada buona.
poi ad Hong Kong (credo che sia li) per collegare la città con il proprio aeroporto hanno creato un treno con l'elettricità che viene fornita al treno dal basso, non mi sembra attraverso il magnetismo, facendo si che l'elettricità passi solo nel segmenti in cui si trova il treno per poi spegnersi dopo il suo transito, risparmiando cosi energia, e se ricordo bene quel treno viaggia ad una velocità media sui 400 km/h.
poi vi sono un mare di progetti per velocizzare, ridurre l'impatto ambientale ed economico del trasporto ferroviario: uno che mi ha impressionato era un progetto di una università americana che per ridurre l'impatto ambientale sta progettando l'inversione dei binari e delle ruote (:shock: :shock: non ho sbagliato a scrivere). l'idea sarebbe di mettere dei binari al posto delle ruote e costruire pali come per una monorotaia in cui far passare il treno dove istallare le ruote.
- I Believe I Can Fly
I Believe I Can Touch the Sky -

Avatar utente
peppe2994
Messaggi: 13002
Iscritto il: 17 maggio 2009, 11:52

Re: Launched train

Messaggio da peppe2994 » 22 settembre 2013, 22:00

Le soluzioni possibili sono mille, e comunque non sono nemmeno propenso per i Maglev in quanto con i classici binari ( alta velocità con semplici accorgimenti) si arriva tranquillamente a 500 km/h in servizio con passeggeri ed i costi sono nettamente inferiori. La gara al treno più veloce la ritengo una inutile perdita di tempo al momento. Si tratta di una applicazione marginale da sviluppare se e quando verranno scoperti superconduttori a temperatura ambiente. Ci sono cose ben più importanti come la trasmissione di energia, le batterie, la risonanza magnetica e mille altre cose.

Se il treno a lunga percorrenza ci mette un'ora in più non mi sembra affatto influente.

Avatar utente
SirNuts
Messaggi: 654
Iscritto il: 21 maggio 2007, 16:06
Località: S. Polo di Torrile (Parma)

Re: Launched train

Messaggio da SirNuts » 23 settembre 2013, 8:15

senza contare il difetto più grande di tutti... il guidatore umano... vedi il treno in spagna...
Pezzente ma Signore, Cinico ma Appassionato, Egoista ma Generoso, Mai Approfittatore.

Avatar utente
peppe2994
Messaggi: 13002
Iscritto il: 17 maggio 2009, 11:52

Re: Launched train

Messaggio da peppe2994 » 23 settembre 2013, 10:10

Questo vale per tutti i treni, ma è risolvibile. Il guidatore umano è un pericolo, ma un conforto psicologico allo stesso tempo come per gli aerei. Almeno su questo in Italia siamo avanti anni luce rispetto alla tecnologia di sicurezza dei treni spagnoli, assolutamente inesistente. Hanno solo il minimo per portare avanti i treni sul binario, nessun controllo remoto, nessun sistema elettronico di controllo della velocità il nulla.

Avatar utente
matt1
Messaggi: 334
Iscritto il: 13 febbraio 2013, 12:31

Re: Launched train

Messaggio da matt1 » 23 settembre 2013, 21:54

Io sono stra favorevole all'umano in cabina di guida (anche per una questione di posti di lavoro ecc.), peccato non sia realizzabile la mia idea (che poi ancora devo capire come facciano, anche nei coster, ad essere i magneti posti in basso e non dietro al treno) mi rassegnerò ai prossimi guasti al motore che non devono più esserci [-per

anonimo
Messaggi: 37
Iscritto il: 31 marzo 2013, 13:58
Località: Roma

Re: Launched train

Messaggio da anonimo » 23 settembre 2013, 21:59

se no ci sarà questo tra qualche anno Hyperloop

Avatar utente
peppe2994
Messaggi: 13002
Iscritto il: 17 maggio 2009, 11:52

Re: Launched train

Messaggio da peppe2994 » 23 settembre 2013, 23:10

Ma questa è un'idea vecchissima, non sapevo che fosse stata ripresa.
Ad ogni modo come in molte cose non è che manca la tecnologia, manca la volontà ed un briciolo di pazzia quel che basta per attuare una rivoluzione.
matt1 ha scritto: (che poi ancora devo capire come facciano, anche nei coster, ad essere i magneti posti in basso e non dietro al treno)
Se ti spieghi meglio magari si può chiarire :wink:

Avatar utente
matt1
Messaggi: 334
Iscritto il: 13 febbraio 2013, 12:31

Re: Launched train

Messaggio da matt1 » 27 settembre 2013, 14:04

I magneti del lancio sono sul binario ( e quindi in basso rispetto al treno); non si perde spinta avendoli in questa posizione?

Rispondi

Torna a “Off Topic”